Playlist di aprile: Lazzaro(na) alzati e cammina!

playlist aprile

Con oggi sono nove lunedì che dichiaro finiti i bagordi. Prometto di darci un taglio più o meno da Natale senza però riuscirci. Non che non sia abbastanza convinta è che i giorni della settimana, quando senti di doverti dare una regolata, sembrano 13. Lunedì si parte con entusiasmo: colazione sana, pranzo nutriente, spuntino e cena leggera. Martedì, nonostante la fame apocalittica del mattino, ci si sveglia con uno shot di acqua calda e limone, inutile o miracoloso chi lo sa, per non saper né leggere né scrivere due sorsate tanto vale farsele.
Mercoledì spinti dall’entusiasmo del giro di boa si tiene duro al richiamo dei biscotti in dispensa, le chiusure di sicurezza per i bambini danno una mano. Giovedì è dura. Giovedì è lungo. Giovedì… ma quanti giovedì ci sono in una settimana quando siamo a regime?

Io ci provo anche oggi, sperando che il decimo lunedì sia quello buono. Ho deciso che abbinerò ai soliti allenamenti anche qualche sessione di camminata veloce e corsa leggera. L’intento è più che altro quello di muovermi di più, stare all’aria aperta e godere un po’ di questa bellissima campagna in cui abito.
Non sono mai stata appassionata di corsa, anzi. Ero quella che quando c’era il test di Cooper s’imboscava dietro ai materassi del salto in alto, tornando a correre l’undicesimo minuto per raccogliere la milza rimasta sul linoleum.
Come per tutte le cose che non mi vengono bene entra in gioco un meccanismo del mio carattere che m’impone di provarci, riprovarci e riuscirci anche solo per zittire quella vocina interiore che ripete sempre sicura che non ti piace? Non che non sei capace?
Praticamente me la suono e me la canto da sola.
La corsa è difficile, è testa più che gambe ed è per questo che è da sempre il mio punto debole.
Nel settembre 2019 sono partita da zero e seguendo una delle tante tabelle che si trovano in rete sono arrivata ai 10k, che per me in quanto a fatica sono come una maratona, ho fatto la Deejay10 e poi ho corso saltuariamente.
Adesso che si apre la stagione vorrei riprendere ma senza obiettivi da raggiungere se non il puro piacere.

Per la ripresa delle buone abitudini ti rimando a questo post nel quale troverai qualche consiglio per riprendere senza stressarti troppo.

Oggi ti presento la playlist alza culi per eccellenza.

Per riprendere ci vuole la musica giusta, è innegabile. C’è chi cammina o corre ascoltando solo il proprio respiro e i rumori della natura (molto meglio) e chi ha bisogno di un po’ di carica nelle orecchie. La musica disturba la corsa, è un dato di fatto, varia la respirazione e il passo perché, per quanto ci si possa concentrare, il ritmo di una canzone diventa presto il passo dei piedi. E ve lo dice una che se c’è una canzone in sottofondo fa tutto ciò che deve fare a tempo di musica, dal cambiare marcia in auto a chiudere a chiave la porta di casa.
Io però una playlist in questo pigro aprile ce l’ho bisogno, quella sequenza di brani che ti fa alzare dal divano per fare una pogatina dal soggiorno alla cucina.

Una lista di canzoni perfette per correre e allenarsi, con tanto di defaticamento musicale finale.

Insomma con quasi tre ore di endorfine somministrate per via auricolare, le premesse per arrivare al terzo giovedì di questa settimana ci sono. Poi se ci arriviamo bene, viceversa pazienza. Ci riproveremo.

Qui il link alla playlist, se vuoi puoi seguirmi sul mio profilo Spotify, dove troverai altre raccolte pazze.

Fammi sapere se hai ascoltato questa playlist, se ha reso piacevole la tua corsetta o il tuo allenamento e se hai qualche brano da suggerirmi per renderla ancora più tosta.

P.S. Il test di Cooper capitava sempre quando mi ero giocata, la settimana precedente, la carta dell’indisposizione da ciclo; it’s called karma.

Cosa ne pensi?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: