Tag: pensieri

Noi incisi ancora su quelle panchine

Noi incisi ancora su quelle panchine

Ci sono dei giorni in cui mi prende una grande nostalgia. Succede così: mi sveglio dopo un sogno dai contorni perfetti e mi emoziono pensando a noi. A mancarmi è il passato, il nostro. Quel tempo che fu l’inizio di tutto, di quel noi che poi saremmo […]

Maschi, macchine e sgommate

Maschi, macchine e sgommate

La mia pancia ha iniziato a vedersi tardi ma i curiosi hanno recuperato di gran passo. È maschio o femmina? Mi chiedono. Ed io rispondo sorridendo che è in arrivo un maschio, un altro; così loro rispondono sempre con le stesse parole: beh riproverà col […]

Etichette e giudizi, imparare dai bambini

Etichette e giudizi, imparare dai bambini

Quante mattine, di corsa davanti a scuola, ci arrabbiamo ripetendo ai nostri figli di non correre, mentre ci affanniamo per raggiungere le loro piccole sagome dalle sciarpine svolazzanti? I bambini sono sempre un passo avanti. Anzi almeno due. Quei piedini di venti centimetri macinano metri e metri […]

Enjoy your silence…

Enjoy your silence…

E’ buffo come la mia canzone preferita sia un’ode al silenzio. Io che zitta non sto mai, parlo nel sonno, parlo da sola, parlo anche con la bocca piena ma non sono maleducata, è che se aspetto ho paura di mandare giù il concetto assieme al […]

AMORE, definirlo è impossibile ma per me è TONDO

AMORE, definirlo è impossibile ma per me è TONDO

Spiegare l’amore è molto difficile, è come disegnare i contorni di una forma precisa con qualcosa di immateriale. L’ostinarsi di dare una forma solida ad una sostanza impalpabile. Non si può. Si improvvisano parole che si possono avvicinare alla “spiegazione dell’amore” che spesse volte fanno rima con felicità, calore, leggerezza. Parole […]

Lunedì e le chat fra mamme…il male assoluto

Lunedì e le chat fra mamme…il male assoluto

Il lunedì per me è sempre la solita storia: poca anzi pochissima voglia di alzarmi. Mal di vivere, voglia di socializzare pari a zero, progetti alimentari disattesi drasticamente già dalla colazione. Jeans troppo stretti, fianchi troppo larghi. Vaffa facilissimi che prendono iniziative in solitaria passando da cervello a […]

La speranza non è l’ultima a morire, ma è la prima a risorgere

La speranza non è l’ultima a morire, ma è la prima a risorgere

Ogni tanto perdo i pezzi, ogni spesso a dire il vero. Il tempo vola e le settimane fanno capriole diventando mesi, inglobando nel loro girare folle tutte le emozioni prima ancora che riesca a gustarmele. Ci si ritrova così a 46 giorni dal Natale, il […]

Oh mia bella mora no non ti incazzare

Oh mia bella mora no non ti incazzare

Un bisogno di cambiamento che ritorna ciclicamente e del quale dovrei percepire il messaggio subliminale, per ricordarmi che ogni volta che ho avvertito quel prurito alle mani e mi sono grattata poi mi sono presa a schiaffi.

Un po’ come la frangia, che torna a tartassare i miei pensieri ogni autunno e non mi abbandona finché non decido di prendere in mano le forbici. Felice come una bambina con la pancia piena di caramelle ma alla quale sta per venire il mal di denti. Sì perché succede proprio questo, dopo tre giorni durante i quali mi sveglio con il ciuffo di Malgioglio e perdo mezz’ora a stirare il roseto che ho sulla fronte mi girano le doppie punte e mi pento.

Lettera per chi sta a guardare

Lettera per chi sta a guardare

Nei giorni scorsi ho letto un post di Lulu, una blogger dalle parole delicate come una carezza. Raccontava della sua esperienza con il bullismo e di come si sia liberata di quella violenza gratuita che stava subendo. Oggi vi racconto la storia di una ragazzina che […]

L’impresa femminile: Tenere un uomo al proprio fianco

L’impresa femminile: Tenere un uomo al proprio fianco

Tenere un uomo al proprio fianco è un’impresa davvero ardua Intendo dire nel tempo. Perché quando una relazione inizia è piena di slanci, di novità: ci si conosce piano piano, si scoprono le affinità -in principio tantissime- si esaltano i pregi e i difetti si […]

Stefano

Stefano

In un banale martedì qualunque di febbraio, complice un bel sole e un freddo tagliente, mi trovo davanti al mio portatile con la volontà di digitare solo una parola: Grazie Per una volta un pensiero semplice, genuino, spontaneo. Perché molte volte vorrei ringraziare chi ho vicino ma poi […]