L’ironia, Lina e Fornasetti

L’ironia, Lina e Fornasetti

 

Credo fermamente che l’antidoto per vivere una vita felice sia composto da una buona dose di ironia.

L’ironia va praticata spesso per far sì che cresca, è una palestra che allena la personalità scolpendone un po’ anche il punto di vista. Bisogna iniziare presto al mattino, quando nello specchio sembrano esserci solo occhiaie e finire a tarda sera dopo una pessima giornata.

L’ironia è non prendersi mai troppo sul serio. È darsi delle possibilità, per sbagliare e per fare bene. È ridere di se stessi e mai degli altri.

È affrontare la vita con un approccio leggero e positivo, dove leggero significa in assenza di peso, non di sostanza.

E allora io, ironica credente e praticante, non potevo che innamorarmi di Fornasetti e delle sue visioni surreali fatte di balene che volano come mongolfiere. Leggere.
L’ingrediente essenziale per capire l’opera di questo artista dall’animo artigiano è senza dubbio l’ironia.

Con “Tema e variazioni” ha esplorato la camaleontica anima femminile. Ha preso Lina, la sua musa, e l’ha trasformata per una vita. Ritraendola come una principessa, un uomo, una ladra, un animale e facendole vivere almeno 350 vite. Una per ogni piatto decorato.

E non provate a storcere il naso quando dico piatti decorativi. Dimenticatevi i piatti appesi sopra al camino di nonna, a meno che non abbiate una nonna davvero sul pezzo.

Ecco quindi che nascono scenari fortemente grafici, dominati dal bianco e dal nero con accenti oro. Geometrie dai pattern differenti ma armonici nel loro insieme.
Il minimalismo qui non è di casa; i soprammobili, notoriamente inutili dal punto di vista della funzionalità, tornano a prender polvere sui mobili godendosi il glorioso ritorno. Perché ci piacciono così, funky e un po’ kitsch.

fornasetti_ironia_design_arte

Credit photo: Pinterest, fashionista.haibao.com, piatti e ciotoline Maison du Monde,
gold ananas Maison du Monde, sedia Kartell Luis Ghost Kartell

Perché la casa è di chi la abita e gli oggetti ne raccontano la personalità. Ben vengano quindi statuette irriverenti e banane luminose mixate a credenze decò. Uno stile, quello di Fornasetti, che ricorda il mondo dei tatuaggi. Lo stesso tratto, lo stesso indelebile fascino.

fornasetti_decor_interior

Credit photo: Pinterest, Chicago Tribune, banana lamp Seletti, bulldog rock Maison du Monde,
bicchieri decò Lsa, buffet Cargo, candelabro Amara

L’ironia è curiosità, intelligenza. È maturità, è imparare a star bene con se stessi, amandosi. È affrontare la vita con positività, accettandone anche quei lati spigolosi che vorremmo più rotondi.

Ironia è un limite che smette di essere tale non appena viene affrontato con un sorriso.

Mi fermo ad osservare tutte quelle donne, mi riconosco in ognuna di loro. Oggi con i baffi di Dalì, domani con quelli di Chaplin ringraziando Fornasetti che ha fatto delle variazioni sul tema il manifesto di noi donne.
Centomila volti in uno solo, proprio come Lina.



Cosa ne pensi?