Mamma alla seconda

seconda_giostra

Ho sempre avuto delle strane reazioni alle forti emozioni La paura mi ha sempre fatto reagire, la rabbia mi ha sempre fatto sudare e la sorpresa mi ha sempre fatto ridere. Ma non sorridere, intendo proprio ridere. Sguaiatamente, esageratamente ridere. Come la mattina del 27 maggio Quando, seduta sul water, stringo tra le mani un test di gravidanza che mi dice che sono incinta. Scoppio a ridere, sola in casa dopo aver accompagnato Doppia T all’asilo. Rido e non mi […]

Continue Reading

Il socio Virgin non va in palestra, lui si allena!

palestra

Quando ti iscrivi in Virgin non ti stai iscrivendo in una banalissima palestra. Tu stai diventando socio di un club. Teoricamente uno di quei pesetti da un chilo è tecnicamente tuo. Tutto ti è chiaro non appena metti piede sotto il raggio della fotocellula che apre le scorrevoli dell’ingresso. Se hai già il borsone nessuno ti fila di pezza. Al tuo “Ciao, buongiorno” una timida e incerta increspatura del lato sinistro del labbro appare sul volto della bella sidainontelamenare di turno […]

Continue Reading

Sono il bambino più coraggioso del mondo, dov’è il mio drago?

il_drago_invisibile

Sono Doppia T, quel bambino biondo e riccio che la mamma ama definire rock ‘n’ roll. Oggi la mamma ha lasciato a me il suo preziosissimo portatile per scrivere sul suo blog. Finalmente l’asilo è finito! Adesso posso starmene con mamma e prosciugarle ogni energia In questo mese di vacanza abbiamo fatto un sacco di cose: dipinto opere d’arte su fogli – e anche un po’ sui muri – siamo andati  in piscina, dove lei poverina ha tentato in tutti i modi […]

Continue Reading

Tutte le notti della mia vita

notti

Come cambiano le notti nel corso della vita Quando ero bambina le notti erano tempo sprecato, sottratto al gioco. Momenti non vissuti. Erano ore di proprietà dei grandi, loro si dicevano cose, ascoltavano musica, fumavano sigarette. In televisione non andavano più in onda i cartoni animati ma al loro posto film vietati ai minori di 14 anni dei quali, ai piccoli,  erano concesse pochissime scene. Il resto delle immagini erano i patterns dei cuscini del divano, puntualmente serigrafati in faccia durante le […]

Continue Reading

Lettera d’amore a mio marito

sposi_wedding_amore

Non so cosa di buono io possa aver fatto nella mia vita precedente per meritarti. Perché giuro, in questa non mi pare di aver fatto grandi cose: salvato vite, sventato scippi e rapine o aver portato aiuto concreto laddove serve. Non ho fatto niente di così meritevole in effetti. Qualche sacco di crocchette per il canile, una donazione del sangue e qualche piccolo comune aiuto non garantiscono certo il badge per la suite del paradiso, figuriamoci un marito come te. […]

Continue Reading

L’amore secondo una gemelli

amore_secondo_una_gemelli

Non è facile lo so. Siamo persone impegnative da amare, spesse volte incontentabili. Sempre alla ricerca di un qualcosa che non facciamo neanche in tempo a trovare che ci scopriamo già a cercare altro. Siamo piccole esploratrici alla ricerca di qualcosa che non faccia rima con routine. Per carità! Fa paura quella cosa lì. Di lei sappiamo che soffoca e che rende i giorni tutti uguali, come quando scendi sei rampe di scale e non arrivi mai al portone. Se rima deve […]

Continue Reading

Viaggio di nozze in 32 ore

Piantata_viaggio

Quando è arrivato nostro figlio non sapevamo in quale misura sarebbe cambiato il nostro stile di vita. L’esperienza genitoriale stava a zero e le uniche informazioni su cosa sarebbe successo le avevamo raccolte dai film, soprattutto da quelli di regia americana. Case sempre in ordine, padri religiosamente dediti al fai-da-te con cinture colme di cacciavite, madri con la piega e le lasagne nel forno ma sempre fighe e pronte per uno spritz femminista con le amiche. Ma sì, cosa sarà mai? Tutt’al […]

Continue Reading

Sorella unica: storie di fratelli pervenuti e non

copertina_fratelli

Sono una figlia unica. Niente fratelli ne sorelle. L’amore di mamma e papà, l’eterna piccola di casa Una bambina che ha vissuto la sua infanzia senza dover condividere la cesta dei giocattoli con nessuno, godendo della piena attenzione dei genitori. Nessun territorio da delimitare, nessun cassetto da chiudere a chiave. Non ho vissuto le grandi frustrazioni delle liti tra fratelli, quelle delle lotte sul divano che alla fine uno dei due si fa sempre male e la mamma gli dà il […]

Continue Reading

Sere d’estate in una Milano tutta concerti e street art

Street_music_artcalendario_concerti_estate

Le prime volte restano impresse nel cuore. Sono ricordi che conservano la freschezza dei dettagli senza mai sbiadire. Come quella sera: estate 1997 al mio primo concerto al Forum di Assago, ore 21.00 Dodici anni non ancora compiuti, due ciuffi biondi che spuntavano da una bandana e un cuore fucsia e luminoso sventolato per JAx e Dj Jad. Il concerto di un cd che avevo consumato nel mio stereo: Così com’è. Su Tranqi funky avevo passato mesi a coreografare balletti in salotto e […]

Continue Reading

Smettila di tenerlo in braccio così lo vizi

Calzini_braccio

“Smettila di tenerlo in braccio, così lo vizi” Una volta non capivo cosa la gente volesse dirmi con quella frase. Non comprendevo come potesse una mamma, davanti ad un bambino così piccolo, avere la razionale freddezza del sentirne il pianto senza assecondarlo… prenderlo in braccio, calmarlo, cullarlo. Macché, io ho sempre risposto: “Fatevi i figli vostri” Doppia T vuole la mamma ed io non l’ho messo certo al mondo per fargli assaggiare quanto faccia schifo già dai primi mesi di vita. […]

Continue Reading

Pigiama Party e Smemorande

dopo lo zero

Tra poco più di un mese il mio anno da trentenne finirà Nessuna scusa, nessuno zero dopo la decina al quale abbracciarsi comodamente e al quale affidare trecentosessantacinque giorni di: ho trent’anni e ho la consapevolezza, l’amor proprio, i progetti, le robe da fare, i viaggi…  Dopo lo zero c’è l’uno: il bastone per quel tre che se lo guardi bene ha la gobba e il culone. Guardo a questo numero con distacco, sentendomi ancora poco d’accordo con questa assurda attribuzione […]

Continue Reading

Soluzione a pagina 46

la soluzione

  L’ultimo post di questa rubrica vuole essere un piccolissimo vademecum. Una specie di bigino all’esame di fisica, la soluzione al rebus della settimana enigmistica in anticipo. Non troverete consigli, non mi piace darne se non a me stessa. Nemmeno verità assolute perché ahimè quelle non le possiedo – ma se qualcuno ne fosse in possesso parliamone – solo e semplicemente qualche pensiero che mi ha aiutato ad arrivare più o meno sana di mente al terzo compleanno di mio figlio Doppia […]

Continue Reading

I primi quaranta giorni delle mamme, ma anche qualcuno di più

quaranta giorni mamme

Avete presente quelle scene utopiche dove lei guarda lui innamorata e serena con in braccio il loro bambino? Sì quelle da pubblicità medio borghesi dove tanti sono i sorrisi felici quanti i grassi idrogenati nel prodotto dolciario di turno. Lei: piega perfetta, ricrescita zero, quattro figli dei quali uno ancora col moncone del cordone. Lui: sbarbato di fresco, pronto per l’ufficio, con la camicia inverosimilmente stirata e inamidata. Io ricordo che delle merendine a casa mia c’era solo la scatola vuota […]

Continue Reading

Nove motivi per andare al Salone del Mobile

salone del mobile 2016

Il Salone del Mobile è una manifestazione annuale molto importante che rende Milano il centro nevralgico del design internazionale. La città è viva, non solo il polo fieristico di Rho Fiera, infatti all’esposizione fieristica si aggiunge una Milano piena di eventi e appuntamenti: il Fuori Salone. Nella pratica smontate le passerelle della Fashion Week e smessi gli abiti sgargianti da fashion addicted – dopo averli fotografati e caricati su Depop – tutti masticano design e architettura come non avessero fatto […]

Continue Reading

La verità che nessuno vi ha detto sul parto

il parto_gemelli

*Se state cercando un post che vi terrorizzi sul parto questo non fa sicuramente al caso vostro. Ricordo ancora che due giorni prima che mi si rompessero le acque, dal macellaio, una signora guardandomi insistentemente la pancia mi chiese quando avessi il termine. Io risposi che c’ero quasi, mi mancavano due settimane scarse e lei con un sorrisetto di chi la sa lunga mi rispose che la mia pancia era ancora troppo alta e che sarei andata sicuramente oltre il termine previsto. Il giorno […]

Continue Reading

Una civetta innamorata di un comò

comò kartell

Mi è capitato con un paio di scarpe di Zanotti, con un paio di jeans, addirittura con un l’ultimo modello di Rayban – che mi hanno detto in cinquanta quanto mi stessero da schifo perché ho la faccia troppo magra ma io me ne sono infischiata – ma mai e dico mai con un comò. Non so spiegarvi cosa sia scattato ma è successo. Mi sono innamorata di un comò Non sono la figlia del dottore che si ammalò, forse […]

Continue Reading

Sushi a Milano, dalle origini agli all you can eat

sushi

Fino a una decina – o forse più – di anni fa erano pochi i ristoranti di sushi a Milano e a riempire quei piccoli locali ordinati e dall’impronta minimalista erano persone colte, stravaganti e aperte alla sperimentazione culinaria. Di quelli che anticipano le tendenze, che si conformano solo nelle nicchie dell’anticonformismo. L’atmosfera educata e accogliente regalava ristoro a palati milanesi d’élite che si destreggiavano benissimo fra bacchette e ciotoline colme di salsa di soia. Gente che amava il pesce crudo prima che diventasse […]

Continue Reading

Gravidanza, i nove mesi di Doppia T nel monolocale

gravidanza

Sono rimasta incinta pochi giorni prima dell’inizio dell’estate, il sole era caldo ma non era ancora arrivata l’afa, quella della tipica estate milanese. Ho fatto il test di gravidanza la mattina di un giorno qualunque che è diventato il giorno dei giorni In quella finestrella non c’era solo il segno +, c’era l’intersezione di due linee in un punto. Un punto che sarebbe stato solo una partenza verso il futuro, il nostro. L’incrocio di due vite, la mia e la sua. C’era […]

Continue Reading

Vicini che vi auguro lontani

vicini di casa

A meno che non si decida di vivere in mezzo a un campo di pannocchie, circondati da fossati d’acqua abitati da nutrie, ognuno di noi avrà comprato o preso in affitto una casa e con essa anche dei vicini. Nei miei trent’anni mi sono mossa per movimenti concentrici, partendo da un appartamento sul  Naviglio, cuore della movida milanese, poi nella provincia fino ad arrivare alla campagna pavese. Tutte case diverse fra loro, per tipologia e dimensione, come i miei rapporti […]

Continue Reading

Una lineetta alla finestra, storia di un concepimento

concepimento

Il concepimento Ci pensavo sì, ma non era un pensiero fisso. Non mi sono mai posta scadenze, quando sarebbe stato il momento lo avrei saputo. Avrei sentito arrivare quel desiderio fortissimo di maternità. Pensavo. In realtà ero come in una delle più comuni favole metropolitane, dove lei è madre dai tempi del Cicciobello Bua e lui fugge impaurito davanti alla Bepanthenol manco fosse l’acqua santa per l’anticristo, ma al contrario: Stefano era pronto e desideroso di diventare padre mentre io ero spaventatissima. Non […]

Continue Reading
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: